blog

Conosciamo il giudice esterno del Palio di San Giovanni 2018 [sponsored by]

giudici di medievalia palio 2018

Il palio di San Giovanni che si terrà a Faicchio dal 23 al 26 agosto, chiama alla sfida le 8 contrade presenti sul territorio di Faicchio. Il drappo attualmente custodito dalla contrada Macchia verrà riconsegnato nelle mani della Duchessa che a sua volta lo consegnerà alla contrada che alla fine della kermesse conquisterà il primo posto della classifica generale. Il totale dei punteggi è il risultato della somma delle varie classifiche parziali generate alla fine di ogni gioco.

Come primo passo ogni anno risulta fondamentale l’approvazione di un regolamento dettagliato dei giochi valevoli per l’assegnazione del Palio. Per la manifestazione del 2018 la commissione capi contrada, composta dai rappresentanti delle squadre e il direttivo della Pro Loco Prof. U. Fragola, ha approvato in data 23 giugno il regolamento consultabile al seguente link.

Come in ogni manifestazione sportiva che si rispetti ciò che garantisce la buona riuscita della “contesa” è la figura del Giudice di gara. A questo proposito per la prima volta si è deciso di affidare “il giudizio” a un esperto esterno al Paese. Il suo campito sarà quello di far rispettare il regolamento insieme ad una giuria di esperti locali profondi conoscitori dei giochi di Medievalia. In particolare, il giudice esterno avrà l’onere di assegnare i punteggi nei vari giochi e decretare la classifica finale.

Ciò che intendiamo fare è presentarvi sin da subito la persona scelta a cui abbiamo affidato l’arduo compito. Il suo nome è Prof. Ezio Liccardi, nonché giornalista, conduttore radiofonico, blogger ed esperto di sport dilettantistico Campano.

Di seguito una breve intervista.

Ciao Prof., innanzitutto presentati ai nostri lettori.                                              

Ringrazio anticipatamente coloro i quali hanno voluto la mia partecipazione al tavolo dei giurati. Mi chiamo Ezio Liccardi e vivo il territorio sannita a 360° cercando di enfatizzare quelle che sono l'eccellenze nostrane per una profonda conoscenza della nostra cultura. Per questo sono enormemente contento di vivere questa manifestazione unica, appartenente ad un'affascinante realtà come Faicchio.

Perché pensi che la Pro Loco abbia scelto te?

La Pro Loco quest'anno ha avuto il coraggio di assegnare questo delicato compito ad un esterno, che in quanto tale, non conosce nè le dinamiche nè tanto meno gli attori protagonisti, in modo da essere imparziale agli occhi di tutti.

 Sicuramente avrai già studiato il Regolamento dei giochi, cosa ne pensi? Hai intenzione di proporre qualche modifica?

Ho letto il regolamento con molta attenzione e lo rileggerò fino a qualche ora prima dell'inizio della manifestazione perché l'importante, per ogni gara, e che ci sia il rispetto delle regole. Per rispettarle c'è bisogno di conoscerle. Questo è un essenziale punto di partenza per trascorrere 4 giornate all'insegna del divertimento con una sana rivalità. In quanto a modifiche penso che non sia necessario, l'importante è sapere che con imparzialità svolgerò il mio compito.

 Sarai un giudice imparziale. Ma dovrai, come in ogni regolamento che si rispetti, dirimere situazioni che richiedono un’interpretazione del regolamento, cosa orienterà il tuo giudizio?

Alla base di ogni competizione penso che un elemento che non debba mai mancare è la lealtà. Il rispetto dell'avversario in ogni situazione sarà l'input che mi permetterà di giudicare ogni gara. Spero tanto che la correttezza sia la prerogativa principale di chi ha ambizioni di vittoria.

Infine, puoi cogliere l’occasione per comunicare già qualche tua riflessione ai partecipanti delle contrade.

Se questa manifestazione riceve tanti consensi vuol dire che tante persone prestano il loro servizio in perfetta comunione. Il tempo che trascorre sotto i nostri occhi vuole a tutti i costi accompagnarci in un futuro dove voltarsi indietro sembra essere diventato inutile. Il passato ci insegna la condivisione, l'unione e Medievalia deve servire soprattutto a questo: solo insieme possiamo rendere il futuro più roseo e per rappresentare al meglio il tempo che verrà dobbiamo senza sosta fare un tuffo nel tempo anche se questo dovesse portarci al '400. Vi aspetto...

 Ciao Ezio e grazie dallo staff di Medievalia.

MEDIA PARTNER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *